HULAHOOP AL ROMAPRIDE2017

HULAHOOP AL ROMAPRIDE2017

 

 

SABATO 10 GIUGNO AL ROMA PRIDE 2017  UN KARRO KARAOKE TARGATO HULAHOOP CLUB

Madrina, forza motrice e curatrice LILITH PRIMAVERA che condurrà il suo UDK…P (un discretissimo karaoke per l’occasione Pride) intervallando ai microfoni a disposizione dei manifestanti un programma d’eccellenza che vede convogliare sul carro amici e collaboratori vicini all’HulaHoop e la partecipazione straordinaria dei KUTSO

Programma in via di definizione:

ore 15:00  Nell’attesa di partire, a piazza della Repubblica inizieremo il Karaoke con la vincitrice del contest di domenica 4 giugno FRAD

16:00     Senith – LA QUEERRDA

16:30     Tony Allotta + intervento informativo de i Conigli Bianchi

17:00     Amikristi and the bad sisters – LA QUEERRIDA

17:45     Lilith Primavera e Chiara DeMontis

18:00    LIVE AMBULANTE KUTSO

18:45     Candy Paradice con i supereroi dei diritti + intervento informativo sul Sex Works

21:00 Apertura della festa post Pride organizzata allo Strike con un ultimo appuntamento karaoke.

Vi aspettiamo in piazza della repubblica alle 15:00

Link del percorso: http://www.romapride.it/parata/

 

L’alato carro che ci manifesterà per le strade del centro di Roma è stato voluto e pensato dalle menti perverse della comunità del UDKD, un discretissimo karaoke domenicale, che per tutto l’inverno hanno confabulato come trovare il modo di esibirsi. La Messa in Mezzo: Lilith Primavera.

Splendide, eccentriche, le personalità dei karaokisti  vogliono poter sfilare cantando e dando la possibilità di cantare.

Il carro quindi, è innanzitutto un karaoke ambulante per accompagnare il RomaPride

E’ un palco per far esibire le performer del concorso più queer della capitale che si tiene da ben 4 stagioni all’HulaHoop: La Queerrida!

Ci sarà la coideatrice della Queerrida SENITH e  le vincitrici del concorso di quest’anno; le AMIKRISTI AND THE BAD SISTERS, ci saranno ospiti e ospitate, microfoni per poter liberare pensieri diversi.

Ci presenteremo al Pride cantando ed esponendo un modo di pensare diverso, queer, che ci possa svincolare dalle dinamiche di controllo attuate dal dover avere un’ identità di genere definita.

La locandina, realizzata dalla brava Frad, vuole scardinare proprio la necessità di dover avere un’identità di genere definita.

Se un pensiero antico come quello dei nativi americani poteva essere più ampio di quello attuale, noi ci auguriamo che non ci sia più bisogno di avere riconosciuta una identità di genere e di poter essere tutte le possibilità che sentiamo.

Siamo il corpo, la società e la cultura che ci circonda, un po’ di libertà ci spetta!

L’HulaHoop ringrazia Lilith Primavera, Frad, Senith, le Amikristi e the bad sisters, i Kutso e tutt* quell* che si sono prestati  e ci saranno al Pride in forme d’aiuto e collaborazione e tutti quelli che hanno finanziato questa avventura. Un ringraziamento speciale a Fabio Carassale che ci ha procurato il carro e il generatore e si presterà alla guida. E un pensiero  al Treccia che ci fornirà la fonica e ci sosterrà con l’allestimento del carro.

 

 

 

 

 

Lascia un commento

HulaHoop club • Via L.F. De Magistris, 91/93 • Roma (al Pigneto)